testata ADUC
Ricongiungimento familiare a coniuge di cittadino italiano
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
17 maggio 2006 0:00
 
Buongiorno, mi sono sposato con una cittadina russa 3 anni fa, adesso stiamo richiedendo la cittadinanza italiana per lei, mia moglie ha una figlia maggiorenne in Russia e' vorrei portarla in Italia, vedendo la situazione e' molto difficile quale strada intraprendere ho provato con i flussi 2006 ma tutt'ora ad oggi non ho ancora notizie in merito. Ho visto l'articolo del vostro associato ADUC per il ricongiungimento familiare in Equador mi potete dare delle soluzioni in modo che possa risolvere in modo definitivo. Grazie per la vostra collaborazione.
Luca

Risposta:
Come evidenziato nell'articolo (clicca qui), la figlia di sua moglie puo' chiedere all'ambasciata italiana un visto per motivi familiari a norma dell'art. 3, comma 3, del DPR 54 del 2002. Occorrera' sicuramente la seguente documentazione: vostro certificato di matrimonio, certificazione attestante il legame di parentela fra sua moglie e la propria figlia (apostillato o legalizzato, a seconda degli accordi internazionali vigenti con la Russia), attestazione del fatto che la ragazza e' a vostro carico (tramite rimesse economiche fatte alla stessa nel corso del tempo). Come ho specificato nell'articolo, sembra che le ambasciate siano restie a rilasciare questo tipo di visti, a causa di una errata interpretazione della norma. Le consigliamo dunque di seguire la questione anche dall'Italia, contattare l'ambasciata di riferimento e, in caso di sua inerzia, intimare tramite una diffida il rilascio del visto. Per ulteriori delucidazioni può contattarci telefonicamente, ogni martedi' dalle 17 alle 20 al numero 055282168.
Aduc Immigrazione
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori