testata ADUC
Permesso/Carta di soggiorno
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
22 febbraio 2019 0:00
 
Ho contrattato matrimonio in Uganda in data 13-11-2018. Il visto per mia moglie è stato rilasciato, lei è entrata in data 21-12-2018. Il visto ha una durata fino al 19-12-2019, ma come durata di soggiorno è indicato 90 giorni. Infatti, il suo rientro è previsto per il 17-3-2019. L'Ambasciata in Uganda mi comunica però che qualora lei dovesse rientrare per questa data, tutta la documentazione necessaria dev'essere riprodotta, ostacolo che vorrei assolutamente evitare. La domanda è cosa succede se posticipo il volo di rientro prenotato e la faccio rimanere per 90 giorni, chiedendo la carta di soggiorno?
L'Ambasciata mi ha richiesto perché non ho richiesto il permesso di soggiorno. La risposta è semplice, mia moglie non parla (ancora) bene l'italiano ed è previsto che lei torni in Uganda per ca. 2 mesi per completare certi lavori, ma dopo rientri definitivamente in Italia. Cosa succede qualora lei non dovesse rispettare la durata di soggiorno pari a 90 giorni, superandola e chiedendo il rilascio della carta di soggiorno? Per il rilascio della carta di soggiorno tutta la documentazione sarebbe già pronta e la carta di soggiorno permetterebbe a Lei un ritorno in Italia senza ostacoli burocratici, vero? Grazie della risposta e tanti saluti.
Philipp, dalla provincia di BZ

Risposta:
le consigliamo di effettuare la richiesta di Carta di soggiorno, anche oltrepassando, se del caso il limite temporale dei 90 giorni, dal momento che, in qualità di cittadina convivente con il proprio marito italiano è inespellibile, ed a diritto al titolo in questione, anche ai sensi della legge 30/2007 (oltre che per l'art. 19 del t.u.immigrazione). Poi potrà comunque recarsi nel suo paese per due mesi.
----------------
Ha risposto Claudia Moretti: https://sosonline.aduc.it/info/claudiamoretti.php
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori