testata ADUC
Cittadinanza per matrimonio dopo il decreto Salvini
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
27 ottobre 2018 0:00
 
Sp.le ADUC,
con il nuovo Decreto Salvini sulla cittadinanza che cita: "ora con l'abrogazione dell'articolo 8 c.2,le domande di cittadinanza per matrimonio potranno essere Sempre Rigettate anche con il decorso del termine massimo di 4 anni"...ADUC a questo punto la mia domanda e vi chiedo: il rigetto con il nuovo decreto puo' essere fatto anche senza una ragione specifica, senza motivo, ecc.., perche non e' molto chiaro, grazie per le info.
Fabrizio, dalla provincia di AP

Risposta:
è vero è stato abolito il divieto, per l'amministrazione, di rigettare la domanda decorsi i 2 anni, ed è stato introdotto il nuovo termine di quattro anni per tutti i procedimenti riguardanti la cittadinanza.
Per rispondere alla sua domanda: in generale, tutti i provvedimenti della Pubblica Amministrazione devono essere adeguatamente motivati, e ciò indipendentemente dall'entrata in vigore del decreto Salvini. Di conseguenza potrà impugnare sia il provvedimento di rigetto motivato che, a maggior ragione, l'eventuale provvedimento che non contenga motivazione.
nel caso in cui siano trascorsi 4 anni (48 mesi) senza che l'amministrazione si sia pronunciata, sarà possibile rivolgersi al giudice affinchè ordini la chiusura del procedimento e l'emanazione di un provvedimento, di accoglimento o di rigetto.
ADUC Immigrazione - https://immigrazione.aduc.it/
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori