testata ADUC
Governo. Migranti, Di Maio e la scoperta dell'acqua calda
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
3 agosto 2020 12:25
 
  Scoprire l'acqua calda, o sfondare una porta aperta, sono detti popolari per chi si vanta di avere inventato qualcosa di importante che invece era già nota a tutti.

E' un proverbio che possiamo applicare al ministro degli Esteri, Luigi Di Maio (M5S).

Che cosa avrà mai detto di così ovvio il ministro Di Maio?

Vediamo.

A proposito dei migranti, dichiara: "Questa è una emergenza nazionale. Dobbiamo pensare a come bloccare le partenze".

Potremmo fare appello alle tre Grazie, ma lasciamo perdere.

Considerato
a) che buona parte dei migranti attuali sono tunisini, economici e non rifugiati, cioè non provenienti da zone di guerra; 
b) che al problema della immigrazione irregolare si aggiunge quello sanitario; 
c) che l'Italia ha con la Tunisia una accordo per i rimpatri;
sarebbe opportuno attuare le iniziative del caso.

Se il problema delle Tunisia è quello economico, occorre dar seguito all'appello "aiutiamoli a casa loro". 
Questo dovrebbe essere fatto in collaborazione con l'Europa e in particolare con la Francia, che ha stretti rapporti con la Tunisia, ma il ministro Di Maio, da vicepremier, andò a Parigi a sostenere i gilet gialli, provocando una crisi diplomatica con il richiamo dell'ambasciatore francese, promosse la raccolta delle firme per un referendum per uscire dall'euro, e quindi dalla Unione europea, accusò il presidente della BCE, Mario Draghi di avvelenare il clima e il M5S si oppose agli aiuti alla agricoltura tunisina.

Insomma, Di Maio non ha le credenziali giuste per affrontare il tema dei migranti tunisini, ma è ministro degli Esteri italiano, è stato nominato ed è pagato per questo, e, invece di fare le riunioni di partito nella sede istituzionale quale è il ministero degli Esteri (a spese nostre), dovrebbe fare il proprio lavoro e non scaricare su altri questioni di propria competenza.

Se non gli va o non è capace, c'è sempre l'istituto delle dimissioni.

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori