portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
 ITALIA - ITALIA - Poste vende case solo a italiani. Tribunale: bando da rifare
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
18 agosto 2011 20:16
 
  Immobili di Poste italiane in vendita, tutto da rifare. Ai bandi devono poter partecipare anche i cittadini stranieri. E' quanto ha stabilito oggi il tribunale di Brescia decretando che il bando di vendita di alloggi di proprieta' di Poste Italiane - 22 tra Brescia, Novara, Vercelli, Catanzaro, Bologna, Milano, Ferrara, Verona - che inseriva tra i requisiti la cittadinanza italiana e' discriminatorio e deve essere riaperto e modificato. Il pronunciamento del giudice e' frutto del ricorso presentato a meta' luglio da Fondazione Piccini, Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione e Camera del Lavoro di Brescia, che nelle scorse settimane avevano gia' chiesto a Poste Italiane un cambio di rotta. Sul caso si era espresso anche l'Unar. Ma l'azienda aveva ribadito che "il programma di vendita degli alloggi aziendali e' disciplinato dalla Legge 24 dicembre 1993, n560 e tra i requisti c'e' anche quello della cittadinanza".
Oggi, invece, fa sapere la Camera del lavoro in una nota, il dietrofront: "Ll'avvocato di Poste Italiane ha ammesso in udienza l'errore dei termini di predisposizione del bando. Il giudice, oltre a stabilire la riapertura del bando, ha anche imposto che le assegnazioni di alloggi gia' fatte debbano essere revocate e riaperte senza includere i requisiti discriminatori". Secondo il segretario provinciale della Cgil bresciana Damiano Galletti "oggi viene riconosciuto il fondamentale principio di parita' tra italiani e stranieri, che trova solido fondamento nell'articolo 3 della Costituzione e che viene ripreso da diversi articoli dello stesso Testo Unico sull'Immigrazione nei quali si vieta in modo esplicito ogni forma di differenziazione. Un principio di non discriminazione che vale non solo per gli enti pubblici ma anche per le aziende private. Suscita perplessita' il fatto che, nonostante i richiami fatti prima dalle associazioni e poi dallo stesso UNAR, Poste Italiane abbia riconosciuto l'errore solo in sede processuale".
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
18 agosto 2011 20:16
ITALIA - Poste vende case solo a italiani. Tribunale: bando da rifare
Donazioni
TEMI CALDI
24 luglio 2014 (1 post)
Immigrati clandestini e matrimonio. A San Marino si puo' fare
24 luglio 2014 (2 post)
Richiesta cittadinanza italiana alla Prefettura di Firenze: ci vogliono nove mesi per ottenere l'appuntamento per il deposito dell'istanza. E' legale?
16 luglio 2014 (4 post)
Corte d'Appello di Catanzaro: un altro caso di protezione internazionale ad un cittadino nigeriano
15 luglio 2014 (1 post)
Ritardo rilascio visto turistico
10 luglio 2014 (3 post)
Immigrazione e reato clandestinita'. Archiviati 16.000 fascicoli ad Agrigento
13 giugno 2014 (1 post)
Dinieghi di visto di ingresso: le ambasciate italiane non possono agire arbitrariamente. Recente sentenza del Tar Lazio
10 giugno 2014 (1 post)
Vacanze in Europa e all'estero per gli stranieri residenti in Italia
6 giugno 2014 (3 post)
Immigrazione. Negato il diritto di giocare a calcio ai minorenni figli di clandestini
29 maggio 2014 (2 post)
Rapporto annuale Istat
21 maggio 2014 (1 post)
La protezione internazionale sussidiaria e i suoi presupposti: provenienza dallo Stato di Plateau (Nigeria)
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori