portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
 ITALIA - ITALIA - Italia. Sono 100mila i polacchi in Italia, integrati e ben istruiti
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
4 luglio 2006 0:00
 
Centomila persone, inserite, istruite, profondamente religiose, affezionate alla cultura italiana, ma allo stesso tempo orgogliose delle proprie tradizioni: sono i polacchi presenti in Italia, secondo una ricerca presentata oggi a Roma dalla Caritas.
La Polonia come esempio, dunque, di integrazione a testa alta, per un popolo che appartiene al maggiore dei nuovi Stati membri dell'unione Europea. Due anni di ricerca, 40 autori di cui la meta' polacchi, piu' di 100 testimoni privilegiati intervistati. Una panoramica a tutto campo sulla presenza dei polacchi in Italia: da Roma che ne accoglie un quarto del totale, a Napoli, Milano, Bologna, Perugia, Firenze.
La presenza polacca e' istruita: il 65% ha una laurea o un diploma. I polacchi hanno un'ottima conoscenza delle lingue e cominciano a frasi strada in diversi settori. Sono molto religiosi e questo, stando alla ricerca, e' dovuto anche alle loro vicende migratorie che li ha portati ad approfondire la propria religiosita'. Dall'indagine e' inoltre emerso che i tre quarti della popolazione polacca in Italia e' composta da donne: tutte lavorano nel settore dell'assistenza familiare. Anche se, fa sapere la Caritas, e' fuori luogo l'equazione 'donne polacche uguale colf'.
Alla presentazione sono intervenuti don Vittorio Nozza, direttore della Caritas italiana, i rappresentanti di Migrantes, del dossier statistico immigrazione, l'ambasciatore Adriano Benedetti del ministero per gli Affari esteri, il console polacco Anna Bednarek e l'assessore comunale di Roma per le politiche sociali Raffaela Milano. 'La crescita dell'Unione Europea - ha detto don Vittorio Nozza - non e' solo un processo formale. Se cosi' fosse i 100 mila polacchi che soggiornano in Italia da extracomunitari sarebbero diventati europei restando stranieri. Il cambiamento giuridico avvenuto con l'allargamento deve incidere anche sui nostri atteggiamenti nei loro confronti'.
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
4 luglio 2006 0:00
ITALIA - Italia. Sono 100mila i polacchi in Italia, integrati e ben istruiti
Donazioni
TEMI CALDI
24 luglio 2014 (1 post)
Immigrati clandestini e matrimonio. A San Marino si puo' fare
24 luglio 2014 (2 post)
Richiesta cittadinanza italiana alla Prefettura di Firenze: ci vogliono nove mesi per ottenere l'appuntamento per il deposito dell'istanza. E' legale?
16 luglio 2014 (4 post)
Corte d'Appello di Catanzaro: un altro caso di protezione internazionale ad un cittadino nigeriano
15 luglio 2014 (1 post)
Ritardo rilascio visto turistico
10 luglio 2014 (3 post)
Immigrazione e reato clandestinita'. Archiviati 16.000 fascicoli ad Agrigento
13 giugno 2014 (1 post)
Dinieghi di visto di ingresso: le ambasciate italiane non possono agire arbitrariamente. Recente sentenza del Tar Lazio
10 giugno 2014 (1 post)
Vacanze in Europa e all'estero per gli stranieri residenti in Italia
6 giugno 2014 (3 post)
Immigrazione. Negato il diritto di giocare a calcio ai minorenni figli di clandestini
29 maggio 2014 (2 post)
Rapporto annuale Istat
21 maggio 2014 (1 post)
La protezione internazionale sussidiaria e i suoi presupposti: provenienza dallo Stato di Plateau (Nigeria)
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori