(Da 1 a 2 di 2)  
27 febbraio 2017 11:02 - Mechano
Facciamo 4 conti sulla reale sovrappopolazione?
L'intero Stato del Texas in USA misura 695.600 kmq.
L'isola di Manhattan 87 kmq. Nell'isola di Manhattan ci vivono 1.600.000 abitanti con una densità di 18.000 per kmq.

7 miliardi di abitanti starebbero nel solo Stato del Texas con una densità di 10.000 abitanti per kmq.

E rimarrebbe ancora un intero pianeta libero.

Allora dove sta il reale problema della sovrappopolazione se non nella testa di chi se lo pone senza le dovute proporzioni?

Non dico che dobbiamo andare a stipare 10.000 abitanti per kmq nel solo Stato del Texas, è solo un esempio di come sia falso questo problema.

Il problema reale è la suddivisione globale delle risorse del pianeta, laddove gli americani e molti paesi occidentali non vogliono abbandonare il proprio stile di vita fatto di case da +200mq, suv 3-4L di cilindrata e consumo continuo di cose superflue.

Inoltre c'è la questione dell'alimentazione. Il pianeta può ospitare 12-13 miliardi di vegetariani ma non oltre 3-4 miliardi di carnivori/onnivori.
Perché per fare 100gr di carne un bovino deve mangiare 10kg di cereali, ma se dai direttamente 10kg di cereali e legumi agli umani ci mangia una famiglia per una settimana.
Senza contare gli ettari e i prodotti agricoli sprecati per fare biogas e biodiesel.

L'uomo poi risponde come le altre creature al pericolo dell'estinzione, facendo più figli nelle condizioni di indigenza e carestia.
Di norma famiglie e individui a cui viene garantita la sopravvivenza non figliano come conigli per poterne vedere almeno qualcuno diventare adulto.

Di riduzione della popolazione alcuni personaggi anni fa ne parlavano di nascosto in convegni a porte chiuse, oggi lo fanno apertamente proponendo sterilizzazioni di massa o altre soluzioni poco piacevoli.

Ma nessuno affronta mai il reale problema: la cattiva distribuzione di ricchezza e risorse nel pianeta. Causata dalla globalizzazione e dal neo-liberismo che altro non è che un nome diverso per camuffare il neo-feudalesimo mercantile che ci stanno propinando le élite dominanti.

Mi giocherei gli zebedei se coloro che si pongono il problema della sovrappopolazione qualora non fossero interessati a mantenere lo status quo per motivi di profitto, non si scoprisse invece che fossero individui con problemi di socializzazione, agorafobia, sociopatia, disturbo antisociale o altri problemi relazionali con l'altro, specie se straniero e diverso.
25 febbraio 2017 18:25 - lucillafiaccola1796
una bella curetta da un-a psichiatra...in modo da sapere con certezza chi si è ed accettarsi. Si devono rassegnare... i maschi non concepiscono e non partoriscono. Per mettere al mondo un condannato a morte che secondo la legge del C.C. non ha diritti finché non è nato, ci vogliono il polo negativo e quello positivo. Altri intrugli non funzionano. E quando ci si prende la responsabilità di far nascere esseri senzienti senza il loro consenso, è OBBLIGATORIO fornire una "base" [Ambiente] il più vicino alla perfezione.
  (Da 1 a 2 di 2)