portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
cerca
Vacanze in Europa e all'estero per gli stranieri residenti in Italia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Emmanuela Bertucci
18 agosto 2008 0:00
 
I ben noti ritardi delle Questure nel rilascio dei permessi di soggiorno hanno causato, specialmente nei periodi di ferie, notevoli problemi agli stranieri extracomunitari che vogliano viaggiare o tornare nel proprio Paese. Questi ritardi hanno costretto il Ministero dell'Interno a emanare diverse circolari per agevolare gli spostamenti degli stranieri in possesso della sola ricevuta di richiesta del permesso, tema cui abbiamo gia' dedicato un articolo: clicca qui Poiche' una recente –ennesima– circolare ministeriale detta nuovi criteri, e viste le tante richieste di consigli che ci sono arrivate nella rubrica 'Cara Aduc', chiariamo se e quando gli stranieri soggiornanti in Italia possono lasciare il territorio nazionale per andare in vacanza, in altri Stati Schengen (gli Stati aderenti agli accordi di Schengen sono attualmente: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria, Islanda e Norvegia), nel loro Paese di origine, o in Stati terzi.
 
Viaggi negli Stati Schengen
Lo straniero extracomunitario in possesso di permesso di soggiorno italiano in corso di validita' puo' viaggiare nei paesi Schengen per motivi di turismo per un massimo di tre mesi. Il permesso di soggiorno chiaramente dovra' riportare una data di scadenza successiva al rientro in Italia.
Lo straniero extracomunitario in possesso della sola ricevuta delle Poste (sia per il rinnovo che per il primo rilascio del permesso) non puo' soggiornare, nemmeno per motivi di turismo, in altri Stati Schengen. Nel caso vi siano particolari, urgenti e documentate necessita' di viaggio in un Paese Schengen, si potra' chiedere alla Questura il rilascio di un permesso di soggiorno provvisorio cartaceo, previsto dalla circolare del Ministero dell'Interno del 7 dicembre 2006 (clicca qui).
Lo straniero extracomunitario parente di cittadino UE puo' viaggiare liberamente negli Stati UE se in possesso di carta di soggiorno, altrimenti dovra' chiedere ai singoli Stati un visto di ingresso per motivi di turismo.
 
Viaggi nel proprio Paese di origine
Per gli stranieri extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia e in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno, la circolare del Ministero dell'Interno NR400/C/2008/2952/P/12.214.3.2 (clicca qui) autorizza l'uscita e il reingresso nel territorio italiano per recarsi nel proprio Stato di appartenenza consentendo il transito nei Paesi Schengen attraverso le frontiere terrestri, marittime e aeree. Si potra' tornare a casa facendo, ad esempio, scalo negli aeroporti dei Paesi Schengen, oppure attraversandoli in auto, avendo cura di portare con se' i seguenti documenti:
- passaporto o altro documento di identita' equivalente e quindi valido per l'espatrio;
- originale o copia del vecchio permesso di soggiorno;
- ricevuta attestante la presentazione della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno.
 
Questa possibilita' e' consentita esclusivamente dal 1 agosto 2008 al 31 gennaio 2009.
Per gli stranieri in attesa del primo permesso, invece nulla e' cambiato: potranno tornare a casa con la ricevuta delle Poste ma non potranno transitare in altri Paesi Schengen. Per approfondimento: clicca qui
 
Viaggi in stati terzi
Ci sono giunte anche molte richieste relative a viaggi che cittadini stranieri extracomunitari regolarmente residenti in Italia devono intraprendere in altri Stati, non appartenenti al sistema di Schengen. In tutti questi casi, occorrera' rivolgersi all'ambasciata del Paese cui si e' diretti per sapere se sia o meno necessario richiedere un apposito visto. Gli stranieri in attesa di rinnovo o rilascio del permesso di soggiorno non potranno uscire e rientrare in Italia con la sola ricevuta delle Poste. In questi casi occorrera' richiedere alla Questura competente un permesso di soggiorno provvisorio, motivando le ragioni del viaggio.
 
Consulenza
Ufficio reclami
ARTICOLI IN EVIDENZA
16 ottobre 2008 0:00
Immigrazione. Emendamenti al Disegno di Legge n. 733
30 settembre 2008 0:00
Immigrazione. La Francia prende atto del fallimento delle "quote di ingresso", l'Italia prova ad introdurre il reato di immigrazione clandestina
20 settembre 2008 0:00
Il matrimonio del clandestino e l'espulsione
16 settembre 2008 0:00
Familiari di cittadini comunitari: permesso o carta di soggiorno?
1 settembre 2008 0:00
Il silenzio della Pubblica Amministrazione
18 agosto 2008 0:00
Vacanze in Europa e all'estero per gli stranieri residenti in Italia
31 luglio 2008 0:00
L'adozione di un maggiorenne
17 luglio 2008 0:00
Divieto di espulsione e permesso di soggiorno per gli stranieri extracomunitari parenti di cittadini entro il quarto grado
1 luglio 2008 0:00
Immigrazione. Permessi per studio e volontariato. I flussi di ingresso per i volontari
20 giugno 2008 0:00
Rimpatri degli stranieri extracomunitari clandestini. La Direttiva UE 'della vergogna'
2 giugno 2008 0:00
Bossi: basta immigrazione senza regole
Donazioni
TEMI CALDI
17 aprile 2015 (1 post)
Adozioni maggiorenni in Bielorussia. Nuove evoluzioni
15 aprile 2015 (1 post)
Richiesta informazioni per cittadini stranieri extracomunitari familiari di cittadini italiani/UE
1 aprile 2015 (5 post)
I Rom denunciano on. La Russa: 'culturalmente razzista'
1 aprile 2015 (12 post)
Discriminazione Rom e Sinti: il Tribunale di Roma condanna casa editrice a ritirare pubblicazione con frasi offensive e a risarcimento del danno
19 marzo 2015 (1 post)
due cittadinanze e due patenti
4 marzo 2015 (3 post)
Immigrazione. L'espulsione come misura di sicurezza e il diritto all'unita' familiare
4 marzo 2015 (3 post)
Sindaco nega giuramento cittadinanza a Egiziano perche' non sa leggere l'italiano
18 febbraio 2015 (1 post)
Matrimonio fra cittadini italiani ed extracomunitari. Cosa fare per vivere con il proprio coniuge
9 febbraio 2015 (1 post)
Acquisto della cittadinanza italiana. Cosa fare quando il procedimento non si conclude entro 730 giorni
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori