portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Espulsione di comunitari e decreto sicurezza. Prime applicazioni
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Emmanuela Bertucci
18 gennaio 2008 0:00
 
Il decreto sicurezza emanato dal Governo nei mesi scorsi, e riproposto con qualche modifica fra Natale e Capodanno, ha gia' portato alle prime espulsioni, e con esse sono arrivate anche le prime pronunce giurisprudenziali.
Una delle prime interpretazioni da parte dei giudici e' particolarmente confortante nella misura in cui chiarisce che i "motivi imperativi di sicurezza pubblica", che possono comportare l'immediata espulsione di un cittadino comunitario dall'Italia, devono essere applicati con grande cautela.
Il pacchetto sicurezza entrato in vigore il 2 gennaio scorso prevede infatti l'immediata espulsione del cittadino comunitario per motivi imperativi di pubblica sicurezza, vale a dire quando "la persona da allontanare, sia essa cittadino dell'Unione europea o familiare di cittadino dell'Unione europea che non abbia la cittadinanza di uno Stato membro, abbia tenuto comportamenti che costituiscono una minaccia concreta, effettiva e grave alla dignita' umana o ai diritti fondamentali della persona ovvero all'incolumita' pubblica, rendendo urgente l'allontanamento perche' la sua ulteriore permanenza sul territorio e' incompatibile con la civile e sicura convivenza".
Il nostro timore era che questa norma venisse interpretata estensivamente, fino a ricomprendervi comportamenti che con la grave minaccia alla incolumita' pubblica avevano poco in comune. Timori piu' che fondati, come si evince dalla espulsione di una prostituta rumena, residente a Genova, "in quanto" prostituta. Si legge infatti nel provvedimento di espulsione emesso dal Prefetto che la ragazza e' stata espulsa "per avere pervicacemente continuato a svolgere l'attivita' di meretricio nelle vie cittadine, creando grave pregiudizio alla pubblica sicurezza e conseguente allarme sociale tra i residenti dell'area interessata". Queste motivazioni, per il Prefetto, sono state sufficienti a ravvisare imperativi motivi di pubblica sicurezza a giustificare la comprovata urgenza dell'espulsione. Per questi motivi, la sua presenza in Italia era stata giudicata "incompatibile con l'ordinaria convivenza, per la palese compromissione della dignita' umana".
A seguito dell'impugnazione dell'espulsione, il Tribunale di Genova ha annullato il provvedimento, statuendo che una donna che si prostituisce "non pone in essere un'attivita' di per se' pericolosa per l'ordine pubblico o per la sicurezza pubblica, e tantomeno lede o compromette la dignita' umana". Il giudice ha sottolineato l'esigenza di una corretta interpretazione della legge, costituzionalmente orientata e rispettosa dei principi fondamentali del diritto comunitario, che impedisca la violazione della liberta' personale e del diritto alla libera circolazione nei Paesi dell'Unione Europea, prevedendo la possibilita' di espulsione solo in seguito a "fatti molto gravi e concretamente individuati".
La prostituzione non e' dunque stata, di per se', ritenuta fatto di allarme sociale tale da mettere a repentaglio la liberta' o l'incolumita' dei cittadini. Un primo, a nostro avviso importante, giro di vite che mette precisi paletti ad una norma la cui applicazione avrebbe potuto portare a derive pericolose per la tutela dei diritti fondamentali della persona.
Consulenza
Ufficio reclami
ARTICOLI IN EVIDENZA
18 gennaio 2008 0:00
Espulsione di comunitari e decreto sicurezza. Prime applicazioni
Donazioni
TEMI CALDI
16 aprile 2014 (6 post)
Immigrazione. Depenalizzazione del reato di immigrazione clandestina
10 aprile 2014 (1 post)
Dinieghi di visto di ingresso: le ambasciate italiane non possono agire arbitrariamente. Recente sentenza del Tar Lazio
5 marzo 2014 (1 post)
Censura Web. Aduc condannata per la parola ‘fantafinanza’ nel titolo di un forum aperto dai lettori. Campagna di autofinanziamento per proseguire in appello la battaglia a favore della libertà di espressione
1 marzo 2014 (1 post)
Adozione maggiorenni. La Convenzione Italia-Urss del 1979 e i recepimenti nei Paesi ex-Urss delle sentenze italiane (3). I rapporti con l’ordinamento civile
23 febbraio 2014 (1 post)
Matrimonio fra cittadini italiani ed extracomunitari. Cosa fare per vivere con il proprio coniuge
12 febbraio 2014 (2 post)
Subire il razzismo provoca un invecchiamento precoce? Studio
28 gennaio 2014 (1 post)
Anno giudiziario. Carceri, droghe, immigrati. Radicali replicano al Pg Maddalena
16 gennaio 2014 (1 post)
Immigrazione. Social card per gli stranieri comunitari ed extracomunitari con carta di soggiorno
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori