testata ADUC
Decreto flussi 2007. Modalita' e tempi di presentazione delle domande
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Emmanuela Bertucci
16 novembre 2007 0:00
 
I numeri

Il decreto Flussi 2007, non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, autorizza l'ingresso di 170.000 cittadini stranieri extracomunitari per motivi di lavoro autonomo e lavoro subordinato non stagionale, cosi' ripartite:

Quote riservate a cittadini provenienti da Paesi che abbiano stipulato accordi di cooperazione in materia migratoria:
- Albania: 4.500
- Algeria: 1.000
- Bangladesh: 3.000
- Egitto 8.000
- Filippine: 5.000
- Ghana: 1.000
- Marocco: 4.500
- Moldavia 6.500
- Nigeria: 1.500
- Pakistan: 1.000
- Senegal: 1.000
- Somalia: 100
- Sri Lanka: 3.500
- Tunisia: 4.000
- altri Paesi che concludano accordi finalizzati alla regolamentazione dei flussi di ingresso e delle procedure di riammissione: 2.500

Quote riservate a lavoratori di origine italiana residenti in Argentina, Uruguay e Venezuela:
500 unità per lavoratori di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado in linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay e Venezuela, che chiedano di essere inseriti in un apposito elenco, contenente le qualifiche professionali dei lavoratori stessi, costituito presso le rappresentanze diplomatiche o consolari italiane in Argentina, Uruguay e Venezuela.

Quote riservate a determinate tipologie di lavoro subordinato:
- lavoro domestico o di assistenza alla persona: 65.000
- edilizia: 14.200
- dirigenti o personale altamente qualificato: 1.000
- autotrasporti e movimentazione merci (se in possesso di patente europea): 500
- pesca marittima: 200

Quote generiche per permessi di lavoro subordinato, non vincolate a particolari Paesi di provenienza o a determinati mestieri: 30.000

Quote riservate a determinate tipologie di lavoro autonomo:
3.000 appartenenti alle seguenti categorie: ricercatori, imprenditori che svolgono attività di interesse per l'economia italiana, liberi professionisti, soci e amministratori di società non cooperative, artisti di chiara fama internazionale e di alta qualificazione professionale ingaggiati da enti pubblici e privati.

Conversioni di altre tipologie di permessi:
conversioni di permessi di soggiorno per studio in lavoro subordinato: 3.000
conversioni di permessi di soggiorno per studio in lavoro autonomo: 1500
conversioni di permessi di soggiorno per tirocinio: 2.500
conversioni di permessi di soggiorno per lavoro stagionale: 1.500

1.500 ingressi ai cittadini stranieri non comunitari residenti all'estero che abbiano completato i programmi di formazione e di istruzione nel Paese di origine.

I tempi - Da quando e' possibile presentare le domande?


Occorrera' prima di tutto attendere la pubblicazione del decreto flussi nella Gazzetta Ufficiale, che presumibilmente avverra' all'inizio di dicembre. Quest'anno la presentazione delle domande partira' in momenti diversi a seconda della tipologia di permesso richiesto:
- per le quote riservate a specifici Paesi le domande potranno essere presentate dalle ore 8.00 del quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto sulla "Gazzetta Ufficiale" (se ad esempio il decreto fosse pubblicato in Gazzetta il 1 dicembre, le domande potrebbero essere presentate dalle ore 8 del 16 dicembre).
- per il settore del lavoro domestico e di assistenza alla persona le domande potranno essere presentate dalle ore 8.00 del diciottesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto sulla "Gazzetta Ufficiale" (se ad esempio il decreto fosse pubblicato in Gazzetta il 1 dicembre, le domande potrebbero essere presentate dalle ore 8 del 19 dicembre).
- per tutti le altre tipologie di permesso e per tutti gli altri settori le domande potranno essere presentate dalle ore 8.00 del ventunesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto sulla "Gazzetta Ufficiale" (se ad esempio il decreto fosse pubblicato in Gazzetta il 1 dicembre, le domande potrebbero essere presentate dalle ore 8 del 22 dicembre).

Le modalita' - Cosa fare per presentare domanda di nulla osta

Quest'anno le domande di nulla osta verranno presentate on line, tramite il sito del Ministero dell'Interno, che ha messo a punto un software particolare e allestira' a questo scopo una sezione del proprio sito Internet.
Il Ministero ha gia' predisposto un manuale di istruzioni su come procedere, che si puo' consultare a questo link: clicca qui

Per inviare la domanda di nullaosta ccorrera':
- registrarsi sul sito del Ministero;
- Scaricare un programma per la compilazione delle domande;
- compilare e inviare la domanda online.

Con la procedura telematica non occorrera' inviare documenti, che verranno richiesti dallo Sportello Unico per la data di convocazione.
Dopo la spedizione della domanda verra' inviata una mail che varra' come ricevuta della presentazione, contenente data e ora di invio.


Testo del decreto flussi:
clicca qui
Circolare n. 23/07 del Ministero dell'Interno:
clicca qui
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori